Great Day, Calico Skies, When Winter Comes

La famiglia è sempre stato un tema centrale nella discografia del Macca, sia come tematica (la vita domestica) che come fonte di ispirazione per i suoi brani. Ed è una sensazione palpabile soprattutto in quegli album in cui si respira a pieni polmoni l’ambiente casalingo, per il coinvolgimento di amici e familiari nelle registrazioni (James in Flaming Pie, ma anche George Martin, Jeff Lynne, Ringo Starr, Steve Miller e, per l’ultima volta, Linda) o per l’intera realizzazione artigianale dell’album (come nel caso di McCartney III).

Uno dei dischi più intimi (e che perciò più amo) è proprio Flaming Pie. Tutte le versioni home recording pubblicate in occasione della riedizione dell’Archive sono la prova concreta di questo mood.

E il brano di chiusura, Great Day, affonda le sue radici lontano, a metà degli anni 70. Era una canzone che Paul e Linda erano soliti canticchiare in cucina quando i bambini erano piccoli.

La genesi di questo semplice pezzo acustico è nella settimana in cui l’uragano Bob spazzava le coste di Long Island dove la famiglia McCartney era in vacanza. Siamo nell’agosto del ’91 e Paul decide di investire quella settimana di meteo turbolento per comporre Winedark Open Sea (pubblicata su Off The Ground) e Calico Skies. Calico Skies e Great Day, vennero registrate alla presenza di George Martin l’anno seguente.

5 anni dopo entrambe le canzoni finiranno su Flaming Pie e Great Day viene posta a chiusura dell’album, dopo Beautiful Night. L’intenzione di Paul è quella di riproporre un divertissement finale come era stata Her Majesty al termine della medley su Abbey Road, una canzone con Paul semplicemente alla chitarra acustica che risultasse piacevole e positiva.

It was written that I would love you
From the moment I opened my eyes
And the morning when I first saw you
Gave me life under calico skies

Calico Skies

Con George Martin a produrre, in questo semplicissimo brano il Macca se la suona e se la canta in solitaria, accompagnandosi con la chitarra acustica. Tra le percussioni, decide di includere lo schiaffeggiamento delle sue ginocchia: per quanto mi ci sforzi riesco a malapena a sentirle, ma sono sicura che suonino bene persino quelle.

Un’altra traccia era stata strimpellata durante quella settimana di tempo avverso a Long Island: Winter Bird / When Winter Comes. La canzone è stata pubblicata solo su McCartney III, decine di anni dopo ma preservando intatta la registrazione del 1992, un vero e proprio viaggio nel tempo.

Mamunia

Per approfondimenti:
– https://www.the-paulmccartney-project.com/…/flaming…/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...