Formiche e scarafaggi

Oggi si celebra Adam Ant, popolare star degli anni 80. Nato nella metà degli anni 50, Stuart Leslie Goddard vive la sua adolescenza nel pieno della swinging London e bazzica una certa casa di St. John’s Wood e gli capita sovente di giocare con un certo bobtail. Sua madre, infatti, lavorava come donna delle pulizie per Paul McCartney con il quale Adam Ant ha tenuto i contatti fino ad almeno tutti gli anni 80.

Adam Ant e Paul McCartney, inizio anni ’80. Foto di Linda McCartney pubblicata su The Polaroid Diaries (pag. 152-153)

In un’intervista di qualche anno fa, Adam Ant ricorda:

My mother used to work for Paul McCartney. So I’d go to Paul McCartney’s house after school and go into the rooms. They were doing Magical Mystery Tour. So there’d be the piano and a bass all painted psychedelic. It was just surreal. I’m fortunate. I was in London at the right time when this music revolution came along, and I was part of it. I’ve been very fortunate in my life.

Mia madre lavorava per Paul McCartney. Mi recavo a casa di Paul dopo la scuola e giravo per le stanze. In quel periodo erano impegnati con il Magical Mystery Tour. Quindi c’erano il pianoforte e un basso psichedelici. Era semplicemente surreale. Sono stato fortunato. Ero a Londra nel momento giusto quando è arrivata questa rivoluzione musicale e ne ho fatto parte. Sono stato molto fortunato nella mia vita.

Ci sono altre due polaroid nel libro fotografico di Linda che ritraggono Adam Ant: una fa parte della stessa serie insieme a Paul, l’altra lo ritrae con un giubbotto di pelle. Si vocifera anche di una sua love story con Heather Eastman McCartney, ma non sono riuscita a trovare delle fonti attendibili.

In una recente intervista video per il programma Where Are They Now, Adam Ant racconta proprio di come la musica dei Beatles e l’amicizia con Paul abbia segnato e ispirato la sua vita:

Con 3 album nella top ten inglese, Adam Ant è un’icona della New Wave e questa potrebbe essere l’occasione per riscoprire alcune dei suoi brani. Per chi volesse approfondire, Rolling Stone ha pubblicato anche un articolo su alcuni dei motivi per riscoprire Adam Ant.

Mamunia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...